Auto usate oltre 10 anni, come applicare la formula vista e piaciuta

E’ vero che devo offrire la garanzia sulle auto usate oltre 10?

Il mercato delle auto usate oltre i 10 anni di vita può essere remunerativo per il Dealer

Tuttavia è opportuno mettere in atto una serie di iniziative per limitare la garanzia sulle auto usate oltre i 10 anni, scopri come.

Usare la formula vista e piaciuta nello stato in cui si trova non è sbagliato di per se, dipende tutto da come viene utilizzata.

Se il tuo obiettivo è limitare le richieste che potrebbero pervenire dai clienti, devi applicare la forma corretta.

Per limitare la responsabilità la garanzia sulle auto usate oltre 10 anni  devi considerare il contesto.

Ovvero dalla prospettiva del venditore, va tenuto presente che non ci si deve limitare a scrivere la dicitura nel contratto.

Ossia di fatto da sola non significa nulla e pertanto non ha alcun valore o peggio potrebbe rendere il contratto nullo, esponendoti a responsabilità maggiori.

La formula deve essere contestualizzata insieme all’elenco dei difetti della garanzia sulle auto usate oltre 10 anni come prevede l’Art 129 comma 3 cdc e 1490 cc.

Si deve prestare attenzione a non usare percentuali o altre formule in contrasto con il cdc.

Vediamo l’aspettativa lato cliente acquirente

A vantaggio dei clienti c’è il Codice del Consumo che racchiude tutti i diritti solo a tutela dei consumatori.

Ecco perché è importante che il Dealer utilizzi contratti a norma

Pertanto occorre prestare molta attenzione, visto che non lasciano scampo ai venditori che non le rispettano.

  • Ricerca dell’auto impostata dal cliente
  • Budget acquisto del veicolo dai 5000 ai 6000 euro
  • Zona: Italia
  • Valutazione di prezzo: Ottimo prezzo
  • Carburante: diesel
  • Annuncio pubblicato da: rivenditore
  • Regione: veneto
  • Fonte: Autoscout24.it sono state valutate 3492 annunci di auto usate
  • Prodotti pertinenti alla ricerca: Alfa Romeo 159 JTDm Sportwagon Dinstinctive, luglio 2008

Cilindrata: 2000 Km percorsi: 233.611

Provate a immaginare quale possa essere l’aspettativa del cliente che acquisterà il veicolo, in termine di percorrenza annua e presenza di difetti.

Vendita dell’auto dalla prospettiva del Dealer

Il Dealer ha come obiettivo vendere l’auto, tuttavia dovrà gestire la bilancia tra soddisfazione dei clienti e il margine che intende realizzare.

Per cercare di limitare le richieste dai clienti, il Dealer non deve limitarsi a scrivere “vista e piaciuta nello stato in cui si trova” in fattura o nell’atto di vendita.

Ha valore scrivere vista e piaciuta nei confronti dei consumatori?

Il senso logico potrebbe suggerire che il Dealer stia correttamente mettendo al corrente il cliente.

Se acquisterai un’auto usata come l’Alfa Romeo 159 JTDm Sportwagon Distinctive non potrai pretendere alcuna garanzia auto usate oltre 10 anni.

Il ragionamento è: “Considerata l’età, la percorrenza e la storia dell’auto, stai acquistando un veicolo vale circa il 1/4 del valore da nuova.

Tuttavia come accade spesso, tra legge e spirito commerciale, non ci sono punti in comune.

Una sentenza del tribunale a conferma di quanto hai letto sopra

Possiamo prendere il caso valutato dalla Corte di Cassazione del Tribunale di Milano Sentenza N°21204 del 19.10.2016.

Giudizio espresso dalla Camera di Consiglio della sottosezione Seconda della Sesta Sezione Civile della Corte di Cassazione il 14 giugno 2016.

Ovvero nel 2009 un Dealer meneghino, aveva venduto una Volkswagen Touran usata al prezzo di 26.000 euro a una cliente privata, rassicurata sulla bontà del prodotto.

Il tentativo spericolato del Dealer

Al momento dell’acquisto il venditore aveva fatto inserire la dicitura “vista e piaciuta” nell’atto di vendita con l’intento di limitare le richieste di garanzia.

Il giorno del ritiro dell’auto, la cliente avverte dei rumori e vibrazioni, quindi decide di rivolgersi ad una officina di Bolzano per far visionare l’autovettura.

Emerge che il forte rumore è dovuto alla rottura dell’avantreno e che per sanare il difetto occorrono oltre 3000 euro.

La cliente segnala la richiesta al venditore a maggio del 2009 tramite raccomandata e e-mail e ad Aprile 2010 convocava il Dealer davanti al Giudice di Pace di Milano.

La cliente pretende la restituzione di euro 3.820,00 previo accertamento della responsabilità del venditore, per i vizi riscontarti sull’autovettura ed eventuale riduzione del prezzo di compravendita.

Il Dealer contesta la ricostruzione della cliente

Per la tardiva denuncia della segnalazione del difetto, appellandosi all’Art 1495 cc considerato che aveva già percorso 1.333 Km e che il difetto non era presente al momento della vendita.

Il Giudice di Pace di Milano, condanna il Dealer al pagamento di euro 3.620,00 oltre interessi di cui 200,00 euro per fermo tecnico;

Il venditore non ci sta e fa appello rivolgendosi alla Corte di Cassazione del Tribunale di Milano che accoglie la domanda.

Incredibilmente, con sentenza del n° 9920 del 2014 la Cassazione ribalta la vertenza, addebitando alla titolare del veicolo tutte le somme, in quanto consapevole di acquistare un veicolo con la dicitura “vista e piaciuta”.

Ossia era consapevole della limitazione della garanzia (limitazioni disposte dall’art. 1490 cod. civ.);

Conclusione della vicenda

La titolare del veicolo fa ricorso e chiede che la sentenza venga cassata, in quanto l’applicazione degli articoli adottati è stata falsata e violata;

Il presidente della Corte di Cassazione Civile del Tribunale di Milano, smentisce l’interpretazione a difesa del Dealer.

L’impiego della dicitura “vista e piaciuta”, non è corretto ritenendo la garanzia sui difetti occulti sempre valida;

Come viene intesa la formula vista e piaciuta dalla legge

Deve intendersi come dichiarazione in trattativa tra chi acquista e chi vende e solo per i difetti presentati e dichiarati dal Dealer ai clienti.

E’ sbagliato usare la clausola come deterrente per scongiurare eventuali rimborsi per ripristini in garanzia auto usate oltre 10 anni.

Vendere auto usate si può, ma bisogna usare il metodo giusto … ora tocca a te commentare

Lascia un commento