Certificato di conformità auto usate un prodotto del Marketing

Certificato di conformità auto usate, ma non era un certificato per le auto nuove?

Da cosa deriva il termine e perché se ne abusa?

2 domande molto importanti sul certificato di conformità auto usate alle quali risponderemo in questo articolo.

Il termine che genera confusione è “certificato” associato alla parola “conformità auto usate”, sul quale faremo subito le necessarie distinzioni.

Cosa si intende per Certificato di Conformità – COC?

L’errore nasce da una distorsione dell’acronimo Coc generando molta confusione.

Infatti il tutto nasce dalla distorsione dall’acronimo originale, ovvero il Certificato di Conformità di Omologazione, necessario per garantire la circolazione delle auto in Europa.

Un termine che piace molto a chi vende i servizi ma che inganna tutta la filiera, venditori e consumatori.

Peccato che questa termine valga solo per le auto nuove!

In effetti se usiamo la parola certificato di conformità aggiungendo “auto usate” il gioco è fatto!

Ecco la differenza tra certificato conformità omologazione e auto usate!

Il COC viene prodotto dal costruttore il quale produce le informazioni relative al veicolo nuovo, esempio il numero di omologazione, le specifiche tecniche …

Al contrario, il certificato di conformità auto usate è un termine che non esiste!

E’ stato inventato per fare terrorismo psicologico sui venditori e far credere  ai consumatori che le auto siano certificate!

In pratica è una mera invenzione del Marketing, in quanto la legge “il Codice del Consumo” non ne parla assolutamente!

Il codice del consumo (cdc) non prevede nulla del genere, in quanto non parla minimamente di auto, ma dei diritti dei consumatori che acquistano beni e servizi.

Farne uso nuoce gravemente la salute del Dealer

Tenendo presente che è il contratto che stabilirà le sorti e la difesa in caso di tafferugli tra cliente e Dealer, è determinante usare la forma dei documenti corretta.

Scrivere che l’auto è gravemente danneggiata, oppure che alcuni componenti (essenziali e costosi) lo siano, contrariamente al vero, è un reato penale!

Molti rivenditori di auto usate non sanno che la denuncia penale per “truffa” si configura in quanto il prezzo dell’auto dovrà essere conforme alle condizioni del veicolo.

Ricorda che puoi ottenere lo stesso risultato con metodi sicuri e più facili per il Dealer

Quali saranno questi metodi miracolosi? Semplice, la legge aiuta anche il Dealer, basta saperla usare!

Scrivere che l’auto ha dei componenti (cambio automatici o motore) rotti obbliga il Dealer a fare prezzi in sintonia con le condizioni dell’auto.

Se vuoi dire la tua sei sempre il benvenuto

Lascia un commento