Privacy Policy Ctu del Tribunale da ragione al Dealer | Quintaruota.it
03641820127 info@quintaruota.it

Ctu del Tribunale da ragione al Dealer auto

Non capita spesso, quindi vale la pena di analizzare questo caso

Preme anzitutto vedere i termini tecnici più importanti per passare ai punti salienti

Il Ctu è nominato dal Giudice, ed è colui che ha il compito di predisporre perizie, fornire consulenze e risposte tecniche, esaurienti e precise per aiutare il Giudice a valutare tutti i dettagli e prendere la decisione migliore.

Un Giudice può avvalersi di un Consulente tecnico d’ufficio in sede civile o in sede penale, in questo caso vedremo ciò che è stabilito dal codice di procedura civile, cosiddetto c.p.c. ovvero alla classica causa per risarcimento del danno.

Termini tecnici vediamo i più importanti

  • Ctu= consulente tecnico d’ufficio
  • ATP= accertamento tecnico d’ufficio
  • c.p.c.= codice di procedura civile
  • Parte ricorrente / attore= la parte che intenta la causa per vedere tutelati i propri diritti
  • Parte convenuta= la parte che viene citata in giudizio dalla ricorrente
  • Negoziazione assistita ex Art. D.L. 132/14= Procedura stragiudiziale che prevede l’assistenza dei relativi Avvocati, oltre a fornire la risposta di adesione entra 30 giorni durante i quali, le parti potranno o non potranno trovare un accordo. Se chi riceve l’invito a negoziare non fornisce risposta tramite il proprio Avvocato, varrà come avverata e potrà essere successivamente valutata da giudice.
  • Verbale della causa= è l’inizio della causa tramite il quale il Giudice verbalizza le parti in causa, i nominativi degli Avvocati, eventuali documenti da ammettere, il Ctu e le eventuali spese da anticipare oltre a richiamare l’atto di causa con relative somme economiche a titolo di risarcimento

ctu

I punti salienti più importanti

La causa che analizzeremo è un classico, ovvero una causa civile intentata da un cliente privato che a Febbraio 2020 aveva acquistato un’auto usata tedesca cabrio del 2016 con circa 40.000 km.

Auto che il cliente ha acquistato da una distanza di oltre 500 chilometri dalla sede del venditore e che al momento del ritiro (avvenuto ad aprile 2020), ha provato e riprovato più volte per fare un acquisto consapevole, e così è stato!

Fino qui tutto bene, nulla di nuovo nel mercato delle auto usate, se non che quattro mesi dopo il ritiro dell’auto il Dealer riceve una brutta notizia, il vetro “lunotto posteriore” alloggiato nella capote elettrica si rotto, andando in mille pezzi!

Ma le brutte notizie non finiscono qui, il costruttore del veicolo, non fornisce il vetro separatamente dalla capote, quindi occorre sostituire tutto il telo con relativo movimento e vetro!

Il costo? Oltre 5.000 euro! E il venditore dell’auto non è a conoscenza se il cliente potrebbe aver rotto il vetro magari appoggiando qualcosa sulla capote (il sistema era sprovvisto del sistema anti schiacciamento) o se effettivamente in qualità di venditore potrebbe avere delle responsabilità.

Ad ogni buon conto il cliente non vuole sentire ragioni e chiede tramite il proprio consulente legale il ripristino a pieno carico dell’azienda venditrice dell’auto= oltre 5.000 euro!

Sappiamo tutti che quando si parla di Avvocati e garanzia auto usate non si possono applicare rimedi “non previsti dal Codice del Consumo e dal Codice Civile” ad esempio “ti offro il 50% perché l’auto è usata!

Dopo un rapido scambio epistolare, l’Avvocato del cliente invoca la procedura di “negoziazione assistita” azione alla quale il Dealer aderisce tramite il proprio Avvocato ma senza trovare un accordo (il cliente pretendeva il ripristino della capote oltre alle spese sostenute per l’auto di cortesia).

Si arriva quindi dinanzi al Giudice incaricato dal Tribunale Ordinario in quanto il valore di causa nel frattempo ha raggiunto un valore oltre 10.000 euro (sotto tale somma la causa si presenta dal Giudice di Pace), ovviamente nel foro del cliente quindi a oltre 500 km dalla sede del Dealer.

La parte attrice (il cliente) a Febbraio 2021 richiede al Giudice l’ammissione di un A.t.p. previsto dall’Art 696 c.p.c. ovvero ognuna delle parti deve incaricare un proprio tecnico per svolgere la perizia sul veicolo usato per stabilirne le cause e l’eventuale presenza di un difetto di conformità.

Qui arriva il tanto acclamato Ctu il quale su incarico del Giudice a marzo 2022 svolge la propria perizia andando a stabilire ciò che il Dealer aveva sempre sostenuto, ovverossia che non c’è relazione tra la rottura del vetro “lunotto posteriore” alloggiato nella capote e un componente del movimento della capote elettrica anch’esso rotto.

Come si è svolta la perizia del Ctu

  • L’esito è stato raggiunto dopo la seguente analisi:
  • sopralluogo nella carrozzeria dov’era ricoverata l’auto ancora danneggiata
  • quante auto dello stesso modello sono state prodotte per allestimento e motorizzazione (immatricolazione 2016)
  • se c’era evidenza di qualche richiamo da parte del costruttore dell’auto e o se ci sono stati casi di rotture in garanzia su veicoli identici a quello del caso di specie

Nulla, non è stato trovato nulla!

Conclusioni

Per il cliente smontare la perizia del Ctu sarà decisamente complicato, oltre a considerare che il Giudice aveva stabilito che le spese relative al perito del Tribunale le doveva anticipare la parte Attrice, la quale oltre ad aver tenuto ferma l’auto in carrozzeria per quasi 2 anni, dovrà ripararsela a proprie spese, oltre a pagarsi l’Avvocato e le spese d’ufficio.

Tentare di andare avanti con la causa civile con l’obiettivo di ribaltare l’esito del Ctu, oltre ad essere molto complicato, nel caso in cui non ci riuscisse il cliente rischierebbe di dover pagare tutte le spese di causa e della controparte, con un esborso economico molto importante.

In tutta questa storia va considerato che, la gestione del Dealer decisa sin dall’origine è stata determinante, tutte le fasi, le lettere, le perizie sono state accuratamente valutate senza lasciare nulla al caso. Dovrà sostenere le spese per la propria difesa pari a circa 2.400 euro … se consideriamo a quanto avrebbe potuto pagare ….. non è male!