Fac simile fattura vendita auto vista e piaciuta

I miti da sfatare sull’uso del Fac simile fattura vendita auto vista e piaciuta

Ti sei ma chiesto se e a cosa serve scrivere in fattura la nomenclatura vendita auto vista e piaciuta?

Se intendi usare un Fac simile fattura vendita auto vista e piaciuta con l’intento di limitare il rischio sulle auto usate, troverai molte risposte.

Devi sapere che inserire nel documento fiscale una frase simile, non ti solleva dalle responsabilità, tanto meno dalla garanzia legale.

La fattura è un documento fiscale e come tale, ha lo scopo di rendicontare beni,  imponibili e imposte.

Pertanto non serve per stabilire accordi, impegni e diritti.

Come applicare correttamente la formula

Come dicevamo usare un Fac simile fattura vendita auto vista e piaciuta, non serve a molto, o almeno non come unico documento!

Fai attenzione perché molti tuoi colleghi utilizzano documenti fuori norma.

Ciò di cui devi munirti è un contratto predisposto con la forma adatta alla vendita di auto!

Per sapere se il contratto è corretto per offrirti la tutela opportuna, deve rispettare non solo citare gli Artt. 1341 e 1342 del cc.

Non devono firmare tutti sullo stesso documento

In un contratto che si rispetti, c’è una parte che propone all’altra, quindi  se le arti firmano entrambe sullo stesso documento, non si capisce più chi propone e chi accetta.

In realtà la nomenclatura vendita auto vista e piaciuta va sempre accompagnata dalla descrizione del bene.

Quindi, fai attenzione perché scrivere in un contratto semplicemente auto vista e piaciuta non serve a nulla.

In pratica devi separare il concetto di accordo “contratto” da quello di obbligo fiscale.

Non aver paura e fammi sapere cosa ne pensi ok?

 

Lascia un commento