Come scoprire se la garanzia legale è corretta

Sull’argomento garanzia auto usate c’è talmente tanta confusione quante sono le auto usate vendute.

Sei un Dealer che non sa dove sbattere la testa per capirci qualcosa o che ha il desiderio di sapere se sta adottando criteri in linea con quanto previsto dal Codice del Consumo?

Se la risposta è si continua a leggere, altrimenti resta della tua idea!

La cosa che dispiace, è che spesso a pagarne le conseguenze sarà il Dealer, in quanto farà gestire la garanzia auto usate affidandosi a “specialisti” che lo porteranno in causa.

Perché tutta questa confusione? Come può fare il venditore a scoprire se sta gestendo correttamente la garanzia sulle auto usate?

La confusione nasce spesso da questi 3 fattori:

  1. fornitori
  2. colleghi venditori
  3. paura di gestire il cliente

I fornitori hanno adottato un meccanismo tipicamente assicurativo, ovvero quello di risarcire il danno in base al valore corrente dell’auto al momento del sinistro o del furto.

Questo principio con la garanzia auto usate o garanzia legale del venditore non centra nulla! O meglio il venditore può scrivere per mano sua o tramite il fornitore tutte le regole che vuole correndo il rischio di andare in contenzioso con il cliente.

Di solito una telefonata al collega per sapere come fa a gestire la garanzia auto usate è un rito, il problema è che si può copiare  l’errore messo in atto dal collega.

La paura di gestire il cliente, resta sempre la più alta della classifica e qui il terrore gioca un brutto scherzo, perché venendo meno la lucidità sarete disposti ad acquistare il servizio che vi sembrerà il più adatto per sconfiggere la paura!

Spesso si rivela in una nuvola di vapore!

Racconto di una storia vera per aiutare il Dealer a capire se sta operando per il bene della sua azienda

Qualche giorno fa parlando con Dealer particolarmente arrabbiato con un giudice che lo aveva giudicato colpevole, è emerso un aspetto molto curioso.

Tralasciando gli aspetti tecnici della causa, il tema era “per una turbina di un’auto usata, ho dovuto pagare spese legali e ripristino totale dell’auto”.

Chiedo al venditore che chiameremo Andrea cosa non era chiaro secondo i suoi canoni, il quale risponde:

il giudice ha dato ragione al cliente su una macchina usata a cui si è rotta la turbina, e ha riparato l’auto senza autorizzazione!”

Allora domando: “dalla richiesta del cliente alla causa, cos’è successo e chi ti ha seguito?”

Andrea risponde: “una società di garanzia di conformità (che ha applicato il metodo delle assicurazioni citato sopra) ripartendo le % tra me e il cliente.

Riassunto

Il Dealer Andrea ha applicato una regola non prevista per legge (per mano del fornitore della garanzia) e il giudice ha dato ragione al cliente in base alle regole dettate dal Codice del Consumo.

Mio commento

Scusa Andrea, ma al posto di essere arrabbiato con il giudice perché non ti arrabbi con il fornitore?

In fondo è come se mi fossi arrabbiato con la Polizia Stradale che ha dato una multa a mio figlio perché andava a 160 km/h in autostrada.

Lascia un commento