Privacy Policy Usato garantito non sempre c'è da pagare | Quintaruota
03641820127 info@quintaruota.it

Usato garantito non sempre c’è da pagare.

L’errore classico è confondere la tipologia delle garanzie

Garanzia convenzionale, del produttore e del venditore

Usato garantito significa offrire un’auto garantita, non assicurata con una polizza kasko o pagare a prescindere dalle responsabilità del Dealer e per qualsiasi motivo!

 

Per capire meglio useremo una pratica realmente accaduta

Per cominciare ci vuole il contratto, un’auto, un venditore, un cliente e una società di garanzia.

Ingredienti che andremo a definire come:

  • CONTRATTO = proposta e accettazione predisposte in data 23.01.2020 
  • AUTO = Jaguar F Pace del 2016 con una percorrenza pari a 70.000 km pagata 29.000 euro
  • VENDITORE = multimarca che tratta veicoli per la maggior parte premium
  • CLIENTE = cliente privato che acquista dando in permuta una mini Cooper del 2008 con una percorrenza pari a 120.000 km
  • SOCIETA’ DI GARANZIA CONVENZIONALE partner del venditore
  • TIPOLOGIA DI GUASTO = motore per un importo di risarcimento pari a 14.000 euro compreso Iva

Preparati gli argomenti, inforniamo!

usato garantito

Dettagli della vicenda

Come accade spesso, il venditore per rassicurare il cliente, propone a suo carico una garanzia convenzionale, durata che in questo caso è stata offerta per 24 mesi.

L’auto viene consegnata il 24.01.2020 e per quasi 12 mesi il venditore, non sentirà più nessuno

Tuttavia passati 11 mesi e 5 giorni, arrivati a Gennaio 2021 il cliente resta in panne con la Jaguar a tal punto da farsi recuperare con carro attrezzi.

Il cliente, organizzato il trasporto, consulta le istruzioni per fruire della garanzia convenzionale, contatta il call center e apre la segnalazione.

A quel punto, la società di garanzia convenzionale, invia un modulo per gestire la richiesta del cliente direttamente all’officina dov’è ricoverata l’auto.

Il preventivo che viene redatto dalla concessionaria ufficiale esordisce con la sostituzione del motore e una somma considerevole, 14.000 euro

Reazioni della società di garanzia convenzionale

Considerato il rapporto contrattuale che lega il cliente finale al servizio di garanzia convenzionale, la società di servizi decide di incaricare un perito di parte per una perizia tecnica, avvisando il cliente.

Un dettaglio importante da sottolineare, consiste nel fatto che la decisione arbitraria della società di servizi è stata presa in virtù della tutela dell’azienda di servizi.

Il verdetto della perizia “arbitraria” tecnica

Il motore 3.0 V6 dal giorno della consegna dell’auto, risulta aver percorso 12.000 km, è grippato e la perizia attribuisce tutta la responsabilità = nesso causale alla qualità dell’olio motore [contiene tracce di matalli quali ferro + alluminio + argento + fuliggini + nitrazione.

Nonostante sia palese che l’olio di un “motore grippato” contenga tracce dei metalli sopra menzionati, sarebbe interessante avere l’analisi spettrale dell’olio la qualità dell’olio per confrontare i dati con le specifiche richieste dal produttore “Jaguar”.

Ma ciò non è stato possibile, in quanto la perizia tecnica pur allegando numerose fotografie dell’auto e del motore, relativamente all’analisi si limita a una citazione senza allegare nulla!

Ad ogni buon conto, la società di garanzie scrive di non avere responsabilità in quanto la causa è da attribuire al tagliando precedentemente eseguito, rifiutando di intervenire

E la responsabilità del Dealer dove la mettiamo?

Effettivamente fino a qui abbiamo parlato del cliente e della società di garanzia convenzionale, ma l’Avvocato a chi ha scritto?

Qui casca l’asino, ovviamente l’Avvocato scrive al venditore chiedendo il ripristino del veicolo o il pagamento della somma per ripristinare l’auto, ovvero 14.000 euro.

Se è vero che fino ad ora abbiamo parlato della società di garanzie e del cliente, diventa interessante capire quale strategia mettere in campo, ricordando che stiamo parlando di 14.000 euro.

Certo che il cliente ha il diritto di citofonare al venditore tramite il proprio Avvocato, e anche che quest’ultimo richieda al venditore di pagare il ripristino … ottenerlo però è un’altra cosa!

Quale obiettivo ha il Dealer e quale strategia scegliere per raggiungerlo?

Il Dealer ha l’obiettivo di parare i colpi e non pagare nulla, in ogni caso fare ciò che è previsto dal Codice del Consumo (visto che è un privato) e Codice Civile.

Quindi quale delle seguenti strategie applicheresti (tenuto conto di tutta la storia che ti ho raccontato)?

  • Offrire una parte della somma dei 14.000 euro?
  • Respingere sulla teoria espressa dalla perizia tecnica della società di garanzie?
  • Fornire un motore usato conforme ai dati indicati nel contratto?
  • Rifiutare l’applicabilità della garanzia per requisiti tecnico / legali?

L’epilogo della storia

Ti posso dire che il Dealer ne è uscito in piedi e non ha pagato nulla al cliente, quindi l’obiettivo l’ha preso … per la strategia che abbiamo scelto lascio la porta aperta per vedere chi propone quella utilizzata per raggiungere l’obiettivo.

Fammi sapere la tua ok?

Ciao e buone vendite …